L’ABC della sostenibilità - I gas serra: cosa sono e perché sono legati al cambiamento climatico

Aggiornamento: 6 giorni fa

Le idee sbagliate hanno per lo più sollevato domande come: il gas serra è anidride carbonica? La CO2 è l’unico gas serra? Che cos’è il gas serra?

Mentre Wikipedia definisce il gas serra come un gas che assorbe ed emette energia radiante all'interno della gamma dell'infrarosso termico, causando l'effetto serra, la NASA lo semplifica così: "I gas serra sono gas nell'atmosfera terrestre che intrappolano il calore. Lasciano passare la luce solare attraverso l'atmosfera, ma impediscono al calore che la luce solare porta di lasciare l'atmosfera.”


L'anidride carbonica è uno dei gas serra conosciuti ed è il più emesso dall'uomo. Ci sono, tuttavia, altri gas serra, ovvero: metano, protossido di azoto, vapore acqueo e ozono.



L’effetto dei gas serra sul clima

La rivoluzione industriale ha prodotto una serie di tecnologie e, allo stesso tempo, sono state scoperte e utilizzate numerose risorse di combustibili fossili per guidare la crescita del pianeta.

Tuttavia, l'uso incessante delle tecnologie da parte dell'uomo ha portato a una produzione eccessiva di CO2. L'anidride carbonica insieme ad altri gas serra quando emessa rimane spesso concentrata e intrappola il calore nell'atmosfera, e questa attività riscalda il pianeta.

Chi emette

Come emette

Veicoli

automobili, aerei, imbarcazioni, navicelle spaziali

Combustione di vari combustibili per il trasporto come gas naturale, benzina, diesel, cherosene, olio combustibile, nafta, propano ecc.


Nota: un veicolo passeggeri medio emette circa 4,6 tonnellate di anidride carbonica all'anno. Le automobili producono anche metano e protossido di azoto dal tubo di scappamento e emissioni di idrofluorocarburi dalle perdite dei condizionatori d'aria. (fonte)

Produttori di energia

Combustione di combustibili fossili per generare il calore necessario per alimentare le turbine a vapore.


Nota: il carbone è la più grande fonte di elettricità al mondo. Le centrali elettriche a carbone attualmente alimentano il 37% dell'elettricità globale e i dati della IEA mostrano che il carbone genererà ancora il 22% dell'elettricità mondiale nel 2040. (fonte)

E con circa 6300 TWh, il 24% di gas naturale rappresenta circa un quarto della produzione mondiale di elettricità nel 2020. (fonte)

​Industrie manufatturiere

(raffinerie, prodotti chimici,

acciaierie, edilizia, ecc.)

​Emissioni da processo di centrali elettriche e impianti di produzione chimica.


Consumo di energia.

Consumo di energia

(edifici residenziali e commerciali)

​Riscaldamento dell'acqua, aria condizionata, cucina, ecc.


Combustione di gas naturale attraverso veicoli, generatori e macchine industriali

Agricoltura meccanizzata

- Industrie dei fertilizzanti

- Industrie della carne

​Produzione di fertilizzante a base di urea. Per produrre urea, la CO2 emessa durante la produzione di ammoniaca viene catturata e quindi riutilizzata per l'urea.


Allevamento intensivo di animali. Quando animali come mucche e bufali pascolano e digeriscono, rilasciano metano.


Le emissioni di gas serra in Europa nel 2019 divise per settore*

*Tutti i settori esclusi l'uso del suolo, il cambiamento dell'uso del suolo e forestale (LULUCF). Fonte: European Environment Agency (EEA)










Cosa succede se il pianeta di surriscalda?

Vari studi hanno mostrato come gli scienziati abbiano scoperto l'esistenza dei gas serra e ne abbiano ipotizzato gli effetti sul pianeta Terra sin dal 1800.

Mentre alcuni affermano che nel 1859 il fisico irlandese John Tyndall fu il primo a scoprire gli effetti dei gas serra, altri lo attribuiscono a uno scienziato svedese, Svante Arrhenius, che nel 1896 affermò che la combustione di combustibili fossili poteva provocare il riscaldamento globale. E più recentemente, una pubblicazione sull'American Journal of Science and Arts suggerisce che Eunice Foote presentò le sue scoperte a un'importante conferenza scientifica statunitense nel 1856 descrivendo come riempiva barattoli di vetro con vapore acqueo, anidride carbonica e aria, e confrontato quanto si sono riscaldati al sole.

In tutti questi studi qualcosa era comune - i gas serra avrebbero influito negativamente sulla Terra - e finora hanno avuto tutti ragione. Il tasso di aumento dei gas serra è accelerato dall'inizio delle misurazioni, da circa 0,7 ppm all'anno alla fine degli anni '50 a 2,1 ppm all'anno negli ultimi 10 anni.


Durante gli ultimi 800.000 anni, la CO2 ha oscillato tra circa 180 ppm durante le ere glaciali e 280 ppm durante i periodi caldi interglaciali. Il tasso di aumento odierno è 100 volte più veloce dell'aumento verificatosi al termine dell'ultima era glaciale. (fonte)


Fino ad oggi, il riscaldamento globale ha causato:

Scioglimento dei ghiacciai

Gli scienziati affermano che l'Artico si sta riscaldando due volte più velocemente di qualsiasi altra parte della terra. Con l'aumento della temperatura arriva lo scioglimento del ghiaccio marino che rifluisce nell'oceano. Il livello del mare a sua volta sale al di sopra del livello richiesto e l'acqua in eccesso scorre nelle zone costiere e inonda l'ambiente.

Le comunità costiere subiscono inondazioni disastrose, gli animali acquatici sono colpiti dalle acque calde, e fenomeni come uragani, tsunami e tifoni sono sempre più frequenti.

Ondate di caldo

Il caldo eccessivo ha causato molti danni nel passato, ma negli ultimi due anni le conseguenze sono state devastanti. Da Giugno 2022 le temperature hanno raggiunto picchi di 50 gradi in Europa, Stati Uniti e Canada provocando siccità, incendi e lo scioglimento delle calotte polari.

Incendi

Secondo un report di worldsocialistwebsite.org, dal 2022, solo in Francia 60.901 ettari di terra sono andati a fuoco, in tutta Europa è stata registrata una perdita di 615.341 ettari, 7 morti, 211 feriti e almeno 65.000 sfollati.

Nel 2020 l’Australia ha registrato una perdita di 18 milioni di ettari, più di 5.000 edifici e case distrutti e molte vittime tra umani e animali.

Oltre a tutto questo, gli incendi hanno provocato inquinamento di aria e acqua, danni economici, scarsità di cibo che ha causato la morte di molti animali, e molto altro.

Il nostro pianeta esiste da circa 5 miliardi di anni e nel passato l’uomo ha già assistito all’aumento e al calo delle temperature, ma negli ultimi anni si è verificato un incremento senza precedenti e le attività dell’uomo ne sono responsabili.



La possibilità di Zero CO2 emissions contro Net Zero

Entrambi i termini hanno significati diversi e sono spesso usati in modo errato.


Zero emissioni di anidride carbonica nel suo senso letterale significherebbe che tutta l'umanità si dovrebbe estinguere perché finché le persone esisteranno, continueranno a vivere e vivere significa emettere anidride carbonica.


Il Net Zero, lo zero netto, d'altra parte è un modo alternativo per appiattire la curva e neutralizzare l'emissione di diossido di carbonio, come la carbon neutrality.


Ciò significa che mentre l'umanità continua a generare anidride carbonica, ci sarebbero misure in atto per garantire che qualunque cosa venga generata non aumenti la concentrazione complessiva di anidride carbonica o se nel caso aumenti, questa avvenga a un ritmo molto lento che non minacci la sopravvivenza dell'umanità.



Come calcolare la tua carbon footprint

La Carbon Footprint è la quantità di emissioni di gas serra prodotta dal tuo stile di vita quotidiano.

Calcolare la tua impronta richiederebbe prendere nota delle tue attività quotidiane come:


Per aiutare persone e organizzazioni a compensare o neutralizzare le loro emissioni di carbonio, gli esperti hanno realizzato degli strumenti digitali utilizzabili gratuitamente come il calcolatore di impronta ecologica.



Scopri quanto le tue attività quotidiane contribuiscono alle emissioni di anidride carbonica


36 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

PANE RECUPERATO AD OGGI

 unisciti al movimento

  • Facebook - Bianco Circle
  • LinkedIn - Bianco Circle
  • Instagram - Bianco Circle